Utilizzo delle pinze a tavola

0

Tantalo, in confronto, con il suo famoso supplizio, era in realtà, un fortunato mortale. Infatti, le pene alle quali veniva sottoposto erano ben poca cosa rispetto a quanto capita ai buongustai golosi di crostacei, che intendono consumare tali delizie al tavolo di ristoranti pseudo-chic.

pinze per crostacei

 

 

 

 

I locali veramente “à la page” , infatti propongono solo crostacei già privati del carapace e questo permette un consumo ” a punta di forchetta”. Dove invece ci si limita a gettare l’aragosta nell’acqua bollente o scaraventarla sulla griglia, per poi presentarla così com’è ai commensali, logica  vorrebbe che il cliente potesse usare a suo piacimento le mani, per scardinare la corazza e tuffarsi a quattro palmenti nella polpa dell’aragosta in questione. Il tapino viene invece attrezzato con pinze apposite, con le quali effettuare l’opera di ripulitura delle carni, riuscendo solo, visti  i lunghi e laboriosi tentativi, a far freddare l’animale e recuperare, solo in minima parte, il lato edibile. E ancora passi quando si tratta di aragosta, ma, di fronte ad un astice, non sono rari i casi di avventori poco avvezzi alle delizie marine che, dopo una lotta improba, si reputano soddisfatti di aver potuto succhiare a malapena le chele, appena scalfite dalle pinze apposite, non osando confessare di non aver capito dov’era la parte mangereccia.

Pinxe per crostaceiLe pinze risultano molto utilizzate nelle beauty-farm, per quei clienti che non vogliono cedere subito al richiamo della cucina : costretti ad impiegarle per schiacciare pinoli, dopo una seduta crollano immediatamente e si assoggettano senza più protestare al regime dietetico imposto.

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento