Uova senza sorprese

0

La collezione N’uovo di Guido Gobino

Pasqua è alle porte. Se la vostra voglia di cioccolato è ancora insoddisfatta e volete scoprire qualcosa di insolito, ecco qualche consiglio che parte da lontano, cioè dalla Sicilia, dove Sofì, un’azienda artigianale di Bronte, non poteva certo esimersi dal rivisitare un classico della pasticceria come le uova connotandole con il pistacchio in granella. Sempre il pistacchio, ma stavolta in pasta, accompagna una delle quattro variazioni cromatiche con cui la famosissima e titolata cioccolateria Bonajuto di Modica presenta le sue uova; le altre tre sono il nero, fondente al 65% con vaniglia, il bianco e il rosa con estratto di paprika; tutte fanno parte della linea Trapuntato, così chiamato per la superifice a rilevo dell’uovo che ricorda una trapunta. Anche Bernardi di Grottaglie non si sottrae alla tentazione di ricoprire una delle tipologie delle sue uova con granella di pistacchi, stavolta mischiata a quella di nocciole. La stessa granella la ritroviamo su una delle uova di una piccola azienda di Norcia, la Vetusta Nursia che raggiunge un livello superiore di originalità nelle uova extra fondente o al latte al farro soffiato; i più grandi di voi ricorderanno forse il Ciocorì: ecco, non siamo troppo distanti da quel sapore. Grezzo Raw Chocolate, la pasticceria crudista con due sedi a Roma e una a Milano, ci offre uova di Pasqua crudiste, vegan e biologiche, senza lattosio e glutine, realizzate con fave di cacao non tostate provenienti dalle incontaminate foreste amazzoniche, disponibili in 4 gusti e 2 formati.

La Molinoska della Molina

Ed eccoci arrivati in Toscana, dove l’altissima concentrazione di cioccolaterie artigianali di qualità ha disegnato i confini e i contenuti di una Chocolate Valley, dove troviamo a Pontedera Amedei che fra le tante produce l’uovo Toscano Red, il cui guscio fondente al 70% racchiude sentori di lamponi, ciliegie e fragole. Vestri dalla natìa Arezzo fa arrivare ovunque le uova più classiche e quelle meno consuete, come quelle al cioccolato fondente e peperoncino e quelle con lavanda e lampone. La cioccolateria Corsini di Pistoia, attiva da più di un secolo, propone diversi tipi di uova al cioccolato fondente e come novità da non perdere assolutamente quelle con nocciole intere italiane tostate all’interno del guscio; e le uova con metà guscio fondente e metà al latte con all’interno un piccolo ovetto di cioccolato bianco. La Molina di Quarrata stupisce più di tutti con una serie incredibile di uova particolari, tra cui un uovo all’Oro, realizzato con cioccolato biondo, granella di cacao caramellato e ripieno gianduia al latte salato; una sorta di matrioska che chiamano Molinoska: 3 uova di 3 gusti diversi collocate una dentro l’altra; e infine l’uovo Tre Strati, uno con cioccolato fondente, uno al gianduia e l’altro con cioccolato al latte.

Il Trapuntato al pistacchio di Bonajuto

Saliamo rapidamente verso la cioccolateria Giulì di Zero Branco in provincia di Treviso che fa un uovo con zucchero e latte caramellizzati, che offre un gusto di cioccolato al caramello ben bilanciato, con ricche note di toffee, burro, panna ed un tocco finale di sale; e uno al 70% di cacao con un sentore dolce dovuto alla stevia che sostituisce lo zucchero. Il nostro viaggio finisce a Torino, dove pare proprio sia nato l’uovo di Pasqua: nel ‘700 la signora Giambone, titolare di una bottega in via Roma, ebbe per prima l’idea di riempire i gusci vuoti delle uova di gallina con cioccolato fuso. Nella città piemontese oggi Guido Castagna ha creato l’Uovo Decorato Bigiuinott, una piccola opera d’arte plasmata a mano con una base di fondente 64% e ricoperta con il celebre Giuinott, il famoso gianduiotto della casa torinese. Boella e Sorrisi propone l’Uovo d’Oro, un uovo di cioccolato al latte ricoperto di oro commestibile, mentre la Perla realizza un uovo di Pasqua al gusto Tiramisù, una bontà a strati che unisce l’aroma del caffè, il gusto deciso del cacao e la morbidezza del mascarpone. Infine torna anche quest’anno N’Uovo, l’uovo pasquale di Guido Gobino dalla forma unica, ma in diverse sfumature di ingredienti e sapori.

Condividi!

Circa l'autore

Lascia un commento