Una poltrona per due gastronomicamente parlando..

1

Anche per quest’anno ci siamo, il rito oramai ventennale de “una poltrona per due” nel periodo natalizio sta per compiersi: confesso, preferivo quando veniva proiettata la sera del 25, ma va bene anche stasera. C’è una soddisfazione antica a rivedere sempre lo stesso film, alla stessa ora, sullo stesso canale: oggi che è disponibile tutto a qualunque ora, in qualunque schermo, recuperare la tradizione che ricorda quella del racconto, della fiaba, dove tutto è certo e risaputo, ma è proprio il raccontarlo di nuovo che crea il piacere della dipendenza. Quindi, essendo un fan che lo guarda obbligatoriamente, eccomi ad analizzare alcune scene che possano essere interessanti. da un punto di vista gastronomico. Partiamo da quella delle crepes suzette fatte da Coleman, il maggiordomo!

Notare come un maitre nemmeno proverebbe ad utilizzare i fiammiferi ma farebbe formare la fiamma direttamente in padella, lei che si mangia l’aragosta mentre sta già preparando il dolce e che lui beve il cognac pasteggiando. Se fosse vino rosso ancora peggio, lo berrebbe nel bicchiere sbagliato!

Sembra quasi di indovinare cosa si trova nei piatti: classici pezzi di carne cotti in padella con guarnizioni solite di carote e magari fagiolini fuori stagione. Notare i bicchieri, che oggi non si troverebbero più in un ristorante di tale livello. Poi osservatevi la scena del party di Natale, e quella ai Tropici! Non è male nemmeno la parte legata alla spiegazione di economia finanziaria che vede protagonista caffè, succo d’arancia e il resto! Godetevi la serata anche gastronomicamente parlando!

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

1 commento

  1. Pingback: Una poltrona per due, cosa mangiare durante la visione

Leave A Reply