Trattoria Maga Magò vicino alla Futa

1

Parti da Firenze e prendi la strada per la Futa, quella che porta a Bologna, luoghi che una volta venivano battuti da tutti quelli che volevano oltrepassare l’Appennino e che ora sono scelti da quelli che hanno deciso di ingranare una marcia più lenta per viaggiare, o semplicemente perché hanno una meta che li obbliga al passaggio. Montecarelli è una frazione che trovi sulla strada, non si viene per fare una passeggiata, se ci si ferma, lo scopo è uno solo: mangiare da Maga Magò. Nome strano per un locale senza insegne, dove prima esisteva una pizzeria, che fa di tutto per non essere segnalato e che accoglie un pubblico dei più vari, dal famoso architetto genovese al giornalista dalla bellissima moglie, ma dove lo zoccolo duro è costituito dagli appassionati, che lo frequentano regolarmente e che si passano parola su quando andare. E’ il “buen retiro” di Luca Pecorini, cuoco talentuoso che negli anni Novanta aprì a Firenze “OE”, un club dove si faceva alta cucina di ricerca, frequentato dai veri amatori che si emozionavano di fronte a piatti che Luca concepiva e realizzava in perfetta solitudine intellettuale.” Formidabili quegli anni!” usando una frase resa famosa da Mario Capanna: la città era un fermento e bisognava esserci per respirare quella ventata di novità. Poi le cose cambiano, Luca tenta nuove avventure, fuori dalla gastronomia ma il richiamo della cucina era troppo forte: è il momento di allontanarsi dalla città, di percorrere una strada che sa di antico ma che diventa tremendamente attuale, con un progetto che per realizzarsi deve avere persone brave come tecnica ma dal cervello attivo e in grado di recepire l’idea di Luca dell’accoglienza. Il ristorante deve essere casa, dove trovare piatti riconoscibili e ben fatti, accogliente, con il camino, la stufa al centro o il giardino raccolto in estate: c’è la frutta pronta a disposizione, i dolcetti e il caffé della moka sempre caldo, si dà l’impressione di essere accuditi fin da quando si varca la soglia. Due sono le sale, collegate l’una all’altra, e se il giorno la trattoria diventa un posto dove rifugiarsi dalla confusione cittadina, la sera si respira aria di convivialità grazie alle persone che animano l’ambiente. Carta ampia, dove diventa un problema scegliere: si parte con il paté di fegato e milza con sedano a cubetti e pane tostato, poi in stagione i funghi fritti croccanti e leggeri, o la cappella cotta nella foglia di castagno. Golose e ben eseguite le puntarelle con acciughe e olive. E’ un piatto confortante e delizioso il semolino con cavolo nero, insolite e stuzzicanti le cozze al rosmarino, da salti mortali carpiati e doppio avvitamento gli spaghetti piccanti alla mezzacarbonara ovvero,saltati con prezzemolo, aglio e peperoncino, con tuorlo d’uovo fritto al centro e pancetta croccante e pecorino, da manuale i ravioli ripieni di lampredotto con pepe e olio extravergine, da infarto sicuro quelli ripieni di coda di vitello con i cardi. E poi il piccione arrostito, croccante e saporito, il cosciotto di agnello cotto a lungo con raclette abbinata. Il problema è fermarsi! Dolci al cucchiaio come la sacher alla rovescia, la torta di pere e liquirizia il panforte e i biscotti del tavolo di marmo. Sul vino, l’approccio è particolare, Luca ti chiede”Vuoi bere alcol?” perché tu sia responsabile della scelta: una volta la carta era suddivisa tra “morale” e “immorale”, la differenza la faceva il prezzo delle bottiglie oggi è unica ed uno può scegliere senza remore. Poi, la sera, sul tardi, arrivano le sfogliatine appena fatte, Il titolare forse ha più tempo e parla, si discute, di musica e di filosofia, di nuove tecnologie e antichi saperi e ti rendi conto quanto è bello discutere fino a tardi, con gentilezza e sorriso rilassato.

30 euro escluso vini, non accetta carte di credito e bancomat, chiuso lunedì e martedì
Maga Mago

Via Bolognese 1, Loc:Montecarelli 50031 Barberino Di Mugello, Italia
+39 (0) 558423041
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=xxoOlVw_s8g[/youtube]

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

1 commento

  1. Pingback: Ristoranti a Firenze: le nuove aperture | Quinto Quarto

Lascia un commento