banner4

Saltimbocca alla romana: li possiamo definire sbagliati?

0

Nessuno mette in dubbio che siano buoni e gustosi, ma da un punto di vista tecnico la domanda sorge spontanea: sono un piatto sbagliato o no, i saltimbocca alla romana? Generazioni di cuochi predicano di non cuocere il prosciutto crudo perché diventa salato e duro, ed ecco che in questa ricetta lo si pone a sfrigolare direttamente in padella con l’olio. E poi, la presenza dello stuzzicadenti quasi “vietato per legge”, in paesi come gli Stati Uniti fioccherebbero le cause di clienti che si fanno male nel maneggiarli…in tanto questa è la ricetta poi dite la vostra

 

SALTIMBOCCA ALLA ROMANA

 

Ingredienti per 6 persone: 750 g di noce di vitello, 100 g di farina, 125 g di burro, 2 dl di vino bianco, 12 fette di prosciutto crudo, 12 foglie di salvia, sale fino, pepe nero

Tagliare la noce di vitello in scaloppine sottili. Allargarle con l’aiuto di un batticarne e disporre su ognuna di esse una foglia di salvia e una fetta di prosciutto crudo. Riporre le scaloppine in frigorifero, disposte in un vassoio, con un peso sopra, affinché il prosciutto aderisca bene alla carne. Far sciogliere il burro in una padella e filtrarlo. Metterlo di nuovo in padella e riscaldarlo. Passare leggermente le scaloppine nella farina, quindi cuocerle in padella, appoggiando per prima la parte con il prosciutto. Salare leggermente e pepare. Capovolgere la carne, sgrassarla togliendo il burro in eccesso e bagnare con vino bianco. Far evaporare la parte alcolica e disporre subito i saltimbocca in un vassoio, ricoperti dal fondo di cottura filtrato

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply