Polenta al sugo di pesce, gli avanzi protagonisti

0

Non mi piace usare metafore e nemmeno un linguaggio poco diretto: in questi giorni si parla di avanzi, inutile parlare di cucina sostenibile e senza spreco. Stiamo cucinando molto, per chi può farlo, chiaro, e l’attenzione a non buttare via il cibo deve essere massima . Ecco allora un’idea per non gettare quanto cucinato per la vigilia di Natale, se avete utilizzato pesce.

polenta al sugo di pesceStasera siamo appena in tempo lo so, domani sarebbe forse da buttare via tutto ma per stasera sarà rimasto del crudo, sotto forma di crostacei, oppure le seppie o i calamari che dovevano essere fatti alla griglia sono stati lasciati in frigo. Ci sarebbe da riflettere sul concetto di avanzi, che suona dispregiativo ma che in realtà vuole essere un modo di rimediare ad un eccesso di acquisti. Ecco allora un’idea per una ricetta alternativa

Ingredienti per 6 persone: 1 l di acqua, 300 g di farina di mais, 500 g d pesce misto pulito,  400 g di polpa di pomodoro, 2 spicchi d’aglio, 1 dl di olio extravergine di oliva, sale fino, pepe nero, peperoncino, un mazzetto di prezzemolo, 1 dl di vino bianco

Mettere a bollire l’acqua con il sale. Appena bolle, versare a pioggia la farina di mais, girando velocemente con la frusta,  far addensare il composto, quindi lasciare sul fuoco a sobollire per circa 40 minuti girando con un mestolo di legno . Intanto, tagliare il pesce, iniziando da seppie e calamari tagliati ad anelli. Tritare finemente l’aglio e parte del prezzemolo e farli rosolare con il peperoncino in una padella, insieme con l’olio. i molluschi tagliati a listerelle,  farli insaporire per qualche minuto e bagnare con vino bianco. Quando il vino è evaporato, unire il pomodoro, insaporire con sale e pepe e portare a cottura.  Unire solo alla fine i gamberetti, se li avete, altri crostacei ed anche le cozze e le vongole, che si dovranno aprire direttamente nel sugo.  Versare la polenta nelle fondine  e servirla cosparsa del sugo e di prezzemolo tritato.

Sugo di pesceDifficile siano avanzato i frutti di mare, casomai provateli ad aggiungere quando farete questo piatto come scelta principale.

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento