Quello che le donne non dicono…

8

La portiera dell’auto aperta prima di scendere, un mazzo di fiori senza aspettare l’anniversario, alzarsi quando lei va alla toilette, un baciamano fatto con classe, la scelta del menu che lui fa sapendo bene i suoi gusti, un vino adatto all’occasione, il conto pagato,: sono pochi gli uomini che fanno tutto questo. Come fare ad educarli? Come vedreste una scuola di “bon ton” solo per i maschi?

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

8 commenti

  1. bene bene, comincio io:
    – parlare sempre un tono sopra gli altri, perchè tutti possano sentire.
    – cellulare sempre acceso, per la pronta reperibilità.
    – fare “sciacquetta” in bocca per deglutire pù velocemente i bocconi e nettare la cavità orale, sennò poi viene la fiatella.
    – tamburellare bene con le posate e farle roteare, per rappresentare la propria abilità manuale; se proprio volete potrete anche staccare le etichette dalle bottiglie: è anche quella un ‘operazione che denota molta delicatezza e sensibilità di tocco.
    – rispondere OK in luogo di va bene, per rappresentare la padronanza della lingua.
    E poi cosa ho dimenticato… ah si, rispondere “piacere” quando si viene presentati, perchè è sempre un piacere!

  2. Come avevo già affermato una volta, i seduttori non esistono più, giusto qualcuno che sa giocherellare con le parole senza mai arrivare al dunque.
    Le regole di bon ton non se le ricorda più nessuno, nemmeno le donne; perciò la scuola di bon ton servirebbe ad entrambi i sessi. Tante signore non si ricordano più di essere tali e vanno avanti come i carri armati!..
    Veramente servirebbe non tanto il corso di buone maniere quanto una materia fissa nelle scuole obbligatorie, esattamente quanto l’educazione alimentare.

    Sono troppo dura e dissillusa?..

    Se non avessi sperimentato in prima persona cosa significa avere al proprio fianco un’ Uomo, non darei, probabilmente, nemmeno tanta importanza all’argomento.

  3. profesore il bono tono ci vuole sempre…io ad esempio quando capita che vado con una femmina al supermercato gli apro sempre il portellone di dietro della macchina e gli faccio caricare la spesa
    ossequi

  4. Io la vedrei bene, ma come ha già detto Rossa di sera non sono sicura che tutte le donne l’apprezzerebbero.

    Avete presente quella pubblicità del dentifricio dove è lei che vedento un tipo al bar dice:” mozzafiato vero… avvicinati dai!” Avvicinati??? Ma dov’è finito l’uomo cacciatore e corteggiatore?

    Cmq sono dell’idea che anche il cellulare abbia tarpato un pò le ali al bon ton, quanto è + comodo mandare un sms che avere il coraggio di chiamare una donna a casa dei genitori !!! e invitarla …

Lascia un commento