banner4

Pizzaman in via Pacinotti a Firenze

0

Tra poco sono 15 anni che esiste Pizzaman a Firenze:  Pasquale Pometto ha iniziato il suo percorso imprenditoriale  fiorentino alla fine del 2001 nella zona dello stadio, con un negozio di pizza a taglio, al quale sono seguite pizzerie, alcune anche chiuse, ma che hanno caratterizzato l’offerta della pizza in città. Non è stato il primo a proporre la pizza stile napoletano, ovvero alta e con il cordone bene in evidenza, ma quello che l’ha resa accessibile a tutti. Ricetta semplice la sua: prendi un locale in crisi, rivelalo, arredalo semplicemente e fallo frequentare grazie alla proposta gastronomica. Semplice a dirsi, meno a realizzarsi ovviamente, ma siamo a 6 pizzerie in città, che vanno a coprire in maniera quasi omogenea tutto il territorio. Pochi fronzoli estetici, l’arredamento vivace nei colori, le sedute spartane, tutto porta a concentrasi sulla pizza: e la cura nella pasta non è da poco, visto che con il marchio Pizzaman hanno aperto anche una scuola di pizzaioli. L’ultimo nato si trova dove prima c’era la “Bottega del buon caffè” , torrefazione e poi locale della famiglia Gasbarro,poi rilevata poi rilevata dai coniugi Thottrup e trasferita sul Lungarno all’altezza della torre di San Niccolò. La pizza si propone secondo lo stile tradizionale, appena spugnosa la pasta, ma non c’è acqua sul fondo del piatto, il pomodoro ha un buon sapore, senza eccessi di acidità. Magari le foglie di basilico potrebbero essere un po’ frantumate invece di essere proposte grandi ed intere. Prezzi bassi, anche meno di 10 euro per pizza e birra. Servizio semplice., schietto e simpatico. Appena confusionario con tante persone. A pranzo menu di lavoro a 8 euro, anche specialità marinare nella sezione ristorante

,

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply