banner4

Oliviero Toscani, il vino non è solo immagine

0

Ora che un suo autoritratto è stato donato alla Galleria degli Uffizi di Firenze, si può tranquillamente affermare che Oliviero Toscani,  fotografo conosciuto nel globo terracqueo e anche politico, come recita Wikipedia, si avvia ad entrare nei libri di storia, quale personaggio a tutto tondo, creativo, artista, provocatore, con una visione delle cose indubbiamente alternativa e spesso premonitrice. In tutto il suo “fare” non potevano mancare due cose: la Toscana, come luogo di buen retiro, ed il vino. D’accordo, la gestione dell’azienda, da lui fondata nel 1970, è in mano ai figli, ma se quando nasce il vino nel 2003, lo chiami OT vuol dire che il tuo brand è importante per le vendite. Sono stati anni difficili, a lungo il prodotto, pur nato sotto la benedizione dell’amico Angelo Gaja, era un prodotto demodé, abbastanza strano per un innovatore : legnosissimo, speziato, quello che negli anni 80 veniva chiamato “vino del falegname”, aveva nell’immagine e nell’etichetta il suo punto di forza, la vera molla che spingeva le vendite. Non tutti i critici lo disprezzavano, d’accordo, ma chissà se l’acquisto da parte dei clienti era fatto per tenere la bottiglia in casa, a  bella vista ,  senza aprirla o per il contenuto. Sta di fatto che una cosa importante per chi si occupa di vino è dotarsi di pazienza, sapere che ad una decisione presa fanno da contrappunto anni di attesa per capire se era giusta e sbagliata. Sono stati anni di grande impegno mediatico, foto a tutto spiano per i viticoltori operanti nella stessa zona, presenza alle manifestazioni, sovraesposizione ma senza che niente cambiasse in bottiglia. Ora sembra che la strada sia cambiata, il vino abbandona il suo essere anonimo e indifferente al territorio, abbraccia meno quel gusto internazionale che lo tiene in un limbo deprimente, per dotarsi di maggior carattere. Probabilmente venissero tolte le iniziali da  quell’etichetta, sarebbe un completamento del lavoro necessario. Ma sarà il tempo, come sempre, a far capire cosa fare.

Credits photo : padovaoggi

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply