Filippi

Nuovo pizzaiolo da Fratelli Cuore, arriva Francesco Caruso

1

Il rutilante mondo dei pizzaioli fiorentini non trova pace: d’altronde la pizza a Firenze sta diventando un “piatto tipico” , e la guida del Gambero Rosso conferma il trend positivo della città. E come succede in un settore popolare come il calcio, il mercato dei pizzaioli è in fermento. Cambio della guardia dai Fratelli Cuore: Agostino Figliola, il precedente ha lasciato la pala per intraprendere a breve una carriera solista, ed a capo del forno della pizzeria inserita all’interno della stazione di Santa Maria Novella arriva Francesco Caruso, 27 anni da Napoli, dove ha iniziato fin da piccolo la carriera di pizzaiolo. Poi il trasferimento a Firenze, il lavoro in diverse pizzerie fiorentine,quindi l’approdo dai fratelli Caprarella, i proprietari del locale. La partenza è molto interessante:  utilizzo di idratazione molto alta per la pasta, cornicione non gommoso, stesura centrale sottile. La prova della marinara è superata a pieni voti, complice un pomodoro saporito, dolce, bene anche nel profumo. La versione della pizza fritta è molto interessante, dal gusto saporito e croccantezza piacevole. Infine la margherita, di gradevole avvolgenza, con una mozzarella non stucchevole.

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

1 commento

  1. Troppa retorica. E” una focaccia che facilmente si può preparare a casa. Certamente richiede delle accortezze ma niente di trascendentale. Più difficile è la pizza napoletana classica, ma molto più difficile. Ma se guardate il WEB ormai è pieno di appassionati bravi che fanno delle pizze “alla napoletana ottime a casa e, ultimamente, anche nella versione a canotto. La vera rivoluzione è stata proprio internet che rende disponibile Tutto, dico tutto, trucchi e segreti compresi a Tutti. I food blog insegnano meno rispetto al web sulle tecniche da utilizzare per fare la pizza. Sono stati inventati diversi accorgimenti tecnici per ovviare alla mancanza di un forno ad alta temperatura. Ecco perchè un buon pizzaiolo può nascere in Groenlandia e non deve andare a Napoli per diventare un bravo. Ci sono ormai anche esempi di pizzaioli professionisti autodidatti che fanno ottime pizze. Per quanto riguarda Pepe è un ottimo pizzaiolo ma ormai c”è ne sono tanti in giro di bravi che possono competere con lui. E penso che sia stato anche superato. Nuove leve di pizzaioli sono già pronti tecnicamente per aprire una pizzeria. Spesso non hanno capitali e non vogliono rivolgersi alle mafie che riciclano nella ristorazione ingenti somme. Buon ruotp o buona focaccia a tutti.

Leave A Reply