Natale: istruzioni per l’uso.

0

Quando si arriva a dicembre, la parola Natale echeggia spesso nei discorsi fra amici: cosa fai in quel giorno, dove vai, ecc. Per i milanesi, una gustosa anteprima è il ponte che parte stasera e si prolunga fino all’8, ma per gli altri italiani,inizia un periodo che può essere considerato un “tour de force”, se visto nella logica dello shopping obbligato, oppure anche di grande piacere se visto secondo altri punti di vista. tralascio volutamente tutto il significato spirituale della festività, perchè non credo sia interessante in questo blog, e mi soffermo sulla parte gastronomica. Per il sottoscritto i giorni che precedono il 25 dicembre potrebbero essere ribattezzati la “cena continua”, viste le occasioni che si moltiplicano , alle quali cerco di partecipare con grande piacere. La frenesia che si ha nel doversi vedere prima del 25 ha dell’incredibile: passi per coloro che devono andare in vacanza, ma per gli altri..adoro i giorni che vanno dal 27 al 30 dicembre, dal 2 al 5 gennaio, sono fuori dall’ordinario, anche per quanto riguarda i tempi. Arrivando al dunque: iniziamo un percorso gastronomico che faccia delle cene pre natalizie un luogo di sperimentazione gastronomica, cominciando proprio dagli stuzzichini da aperitivo. Anni fa stupivano ancora le prugne snocciolate ripiene di mandorle, avvolte nel bacon e rosolate in padella, oggi si potrebbe tentare con altre specialità: per gli ardimentosi, fegatino di pollo avvolto nel guanciale e servito con mostarda di Cremona, oppure scampo marinato in citronnette alle erbe aromatiche su trancio di patata allo yogurt o, per i vegetariani, pallina di spinaci, coperta di gorgonzola fuso e noccile tritate. Altri consigli?

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento