Miami, gli italiani, la ristorazione…

0

Dopo il viaggio stancante e il pomeriggio passato tra una scrittura del blog, una doccia ristorativa e una semi pennichella, a cena ritrovo un mio ex alunno, Massimiliano Guerri, che viev a Miami da 17 anni. E’ lui che ci porta delle izze delle focacce da mangiare per cena, ed è sempre con lui che capisco qualcosa di più di questa città, di questo stile di vita che non si può definire americano, considerata la vastità del continente, ma certo è diverso da noi. Max ha lavorato in molti ristoranti della città, mi racconta di come il successo qui dipenda da una serie di fattori, legati soprattutto alle mode e ai PR, rispetto alla qualità del cibo, Qui se il locale si riempie dipende dalle strade: se una volta era Ocean Drive quella più gettonata, adesso ce ne sono altre come Lincoln Road a fare il pieno. La vita notturna è lunga, tutte le sera capita qualcosa, soprattutto nei Club, sorta di privè degli alberghi, dove entrare è un lusso. C’è bisogno di tessera, oppure essere amico de PR, che ti mette in lista..argomenti marziani per il sottoscritto! Da poco è stato aperto un altro ristorante toscano, “I Bischeri” da un pool di imprenditori del Valdarno aretino, ma qui emergere è cosa dura.  Sicuramente, sapendo che uno dei piatti che va per la maggiore è il filetto di manzo scottato, con sopra mezza aragosta, accompagnato da fettuccine con panna e pollo(sic!), in questi tre giorni sarà importante fa cambiare idea a chi viene alla manifestazione “Wine and fashion Florence”! Italiani ce ne sono tanti, anche VIP che non vogliono troppa pubblicità, tipo calciatori, veline….mi informerò!

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento