Filippi

La pizza di Baldovino Bistrot a Firenze

0

In qualche modo il luogo è storico: Baldovino si trova in  piazza Santa Croce , anche se l’ingresso è da via San Giuseppe, a Firenze e qui più di vent’anni fa, forse 25, un eclettico imprenditore scozzese, David Gardner, decise di aprire una pizzeria “napoletana” quando ancora il fenomeno delle pizzerie di qualità era ben lungo dal nascere, a Firenze, ma in Italia in genere. Certo, fa un certo effetto che un britannico apra una pizzeria in Italia, ma forse ora ci sono italiani che aprono pub in Scozia e quindi il cerchio si è chiuso. Da due anni il proprietario è Massimo Bocchetti, titolare anche de Il Francescano, trattoria di cucina tipica posta a pochi metri di distanza. Su Baldovino il lavoro che ha impostato è stato interessante, aumentando l’offerta gastronomica e del vino, ma soprattutto curando in maniera non banale la pizzeria. Come responsabile del forno e degli impasti ha chiamato Maurizio De Simone, in passato titolare della pizzeria Mezzo Metro a Calenzano ed oggi ad occuparsi di  un prodotto che convince fin dal primo assaggio. Merito di una miscela usata per la pasta ottima, ben idratata, forno a fiamma che cuoce la pizza in 70 secondi circa, materie prime di qualità: non è per forza napoletana come spessore, qui la si prepara bassa, o con un cornicione alto su richiesta, anche ripieno di ricotta. Due menu diversi tra pranzo e cena: il giorno una scelta di pizze molto classiche e piuttosto ampia, ma ricordatevi che  non c’è Maurizio a cuocere e la sua proposta particolare la trovate la sera. L’impasto lo fa tutto lui, cambiano le proposte come scelta, con l’inserimento a cena anche della tipologie di pizze gourmet, oltre alle classiche: una proposta calibrata, non enciclopedica, tutto preparato con ingredienti di qualità. La Margherita risulta dalla pasta asciutta e non gommosa, pomodoro dolce, profumata come basilico, fiordilatte che si scioglie bene senza essere troppo elastico. Tre le proposte gourmet: invitante la Donna Rosa,  preparata con l’impasto al nero di seppia, e poi sopra salmone affumicato, formaggio Quark, zucchine, mentuccia e lime grattugiato. Servizio attento e caldo, non svogliato; buona scelta di vini oltre che birre classiche e qualche esempio artigianale. Prezzi dai 9 ai 13 euro, aperto tutti i giorni.Poi magari è interessante tornare per la cucina …

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply