La Boutique della pasta fresca a Firenze

1

Inutile pensare a cosa sia dovuto il successo di un locale, non ci sono formule precise: puoi frequentare tutti i corsi marketing che credi, ma se ti deve andare bene, ti andrà, partendo ovviamente dall’offerta gastronomica, che rimane fondamentale.

testaroli con pestoFirenze zona Cure, una via che collega il fiume  Mugnone alla via Faentina, classica strada residenziale ma ohibò, subito all’inizio un locale a più sporti al quale, per accedere, di devono salire degli scalini ( e già questo rappresenterebbe un limito per gli esperti di marketing). In fila e all’interno, una varia umanità fatta di giovani, impiegati, operai, pensionati e nullafacenti, seduta a tavoli che hanno del vintage, del modernariato, ma anche di scarti di magazzino, assortiti senza alcun designer che li abbia assemblati. Sul fondo, le credenze di casa anni 60: sulla lavagna il menu, ma anche l’avvertenza di fare presto, perché la gente che aspetta non deve stare lì a pietire un posto e quindi, come consiglio, presentatevi ad orari spagnoli e sarete serviti senza il fiato sul collo. La scelta è fatta tra pasta e sughi da abbinare a piacimento, il tutto a 5 euro.

tonnarelli e burrata Non solo: la pasta è servita su piatti veri, con posate vere e volendo, con lo special di acqua e caffé, abbinata  la cifra diventa di 5 euro e 50. Ma sono compresi,  in questo prezzo, anche i testaroli con il pesto, fagiolini e patate, perfetti nell’equilibrio gustativo, o i tonnarelli con pomodorini e burrata, altra pietanza gustosa e bilanciata. Poi volendo ci si può allargare ai piatti del giorno come le pappardelle condite con il coniglio e lì il prezzo arriva a 7, 50 euro. E ancora, cannelloni, gnocchi fatti a mano, lasagne, dipende dal giorno e dalla disponibilità, il che permette di non avere troppe certezze!Dimenticavo: anche lo stuzzichino offerto dopo l’ordinazione, fettina di pane con olio nuovo, si rasenta l’incredulità! Porzioni abbondanti, esiste un vino della casa che non ho avuto occasione di provare, meglio la vecchia Moretti media, proposta a 3 euro. Il caffè se volete, è della moka. Gentile il servizio, non sguaiato ma familiare Poi, l’importante è guardarsi attorno e godere del fatto che la tavola si conferma un crocevia di persone che difficilmente starebbero insieme in altri ambienti.

Boutique della pasta fresca Via Domenico Cirillo 2/c, 50133, Firenze Italia +39 055 578087 Aperto solo a pranzo Chiuso la domenica

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

1 commento

  1. ” puoi frequentare tutti i corsi marketing che credi, ma se ti deve andare bene, ti andrà, partendo ovviamente dall’offerta gastronomica, che rimane fondamentale.”

    Ora tummispieghi per cortesia qual è la differenza tra una proposta di marketing e l’offerta gastronomica.

    Che anche se non mi ritengo professore di marketing penso che più di un ristoratore dovrebbe studiare le ragioni per le quali un locale (non) va bene.

    Parliamone, dai!

Lascia un commento