La bellezza nel vino

0

La Val d’Orcia è un territorio di rara bellezza, raccontato anche dal suo vino.

I paesaggi della Toscana forse più belli, senz’altro i più famosi, son quelli della Val d’Orcia, ripresi in migliaia di cartoline e nelle foto dei tanti visitatori che accorrono da queste parti. La Val d’Orcia è un’ampia valle in provincia di Siena, a nord ed est del monte Amiata e vicina al confine con l’Umbria. Attraversata dal fiume Orcia, che le dà il nome, è caratterizzata da indimenticabili panorami e da caratteristici centri di origine medievale, due dei quali molto noti come Pienza e MontalcinoAlbero caratteristico il cipresso, cibi tipici i pici, i salumi d Cinta senese, il pecorino di Pienza. E poi, a impreziosire il tutto e a condensare tanta bellezza, ci sono i vini Orcia doc. La denominazione Orcia DOC nasce il 14 febbraio 2000, grazie alla tenacia di alcuni produttori fondatori del Consorzio del Vino Orcia, con lo scopo di tutelare e promuovere l’immagine del vino e del suo territorio. Protagonista indiscusso dei Vini Orcia è il Sangiovese. Il Consorzio svolge anche un’intensa attività culturale che culmina ogni anno, ad aprile con l’Orcia Wine Festival, evento sul vino e sul territorio nel quale viene prodotto. La zona di produzione dell’Orcia Doc si trova tra quella del Brunello di Montalcino e del Nobile di Montepulciano, uno dei territori più importanti per la produzione dei grandi vini. Dodici sono i comuni compresi nella denominazione: Buonconvento, Castiglione d’Orcia, Pienza, Radicofani, San Quirico d’Orcia e Trequanda. Inoltre, parte dei comuni di Abbadia San Salvatore, Chianciano Terme, Montalcino, San Casciano dei Bagni, Sarteano e Torrita di Siena.

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento