Inzimino, chi era costui?

0

Se si prova a vedere come viene scritto nelle carte dei ristoranti fiorentini, si capisce come le idee non risultino troppo chiare. la parola deve essere staccata  o attaccata? E poi, ad esempio, riguardo alle seppie, ma potrebbe essere baccalà parliamo di “inzimino di seppie” o “seppie in zimino” se non addirittura “in inzimino”? C’è da fare impazzire un linguista!Se fate un giro sul web noterete che tutte queste locuzioni sono utilizzate in maniera paritaria. L’origine della parola potrebbe essere araba “Asseminuu” che vuol dire “salsa densa, grassa, untuosa” ma essendo un piatto di magro, c’è chi contesta tale affermazione facendola risalire alla parola azzimo, ovverosia “Non lievitato” che potrebbe essere assimilato a non condito. Altre ipotesi danno la specialità di origini persiane, per l’utilizzo di spinaci arrivati in Italia attraverso l’Andalusia. Volendo, si può accreditare anche il legame con la parola cumino, la spezia, ma non essendo impiegata nella preparazione, sembra l’ipotesi meno probabile. Questa preparazione, oltre che in Toscana, la si ritrova in Liguria, in Sardegna e in Corsica, ma è a Firenze che viene ancora oggi maggiormente cucinata. ingredienti variabili: tra i pesci, si parla di calamari, seppie o baccalà, tra le carni il lampredotto, magari unito alla trippa, altrimenti si può avere anche l’inzimino di legumi come i ceci. Le verdure impiegate sono principalmente spinaci o bietole, ma c’è chi si arrischia anche con le rape. La preparazione è lunga , in cottura ma semplice. trito di cipolla e aglio abbondanti, rosolatura del pesce o della carne, quindi vino rosso, dopo pomodoro e poi la verdura cruda: la cottura prosegue lenta, stufata, calore moderato. Si serve con fette di pane tostate e pepe macinato al momento. Tra le aggiunte più comuni, il peperoncino, oppure nel fondo di cottura la carota e il sedano Credits lafiaschetteriadellecure.it

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply