Pasta Artigianale Morelli

‘Ino firma anche la pinsa romana a Firenze

0

‘Ino, un nome, una garanzia: oramai non lo chiamano più per nome, ovvero Alessandro Frassica, per tutti è diventato il simbolo del panino, ed in tanti pensano che l’insegna del locale sia semplicemente il diminutivo del sandwich italiano. In realtà è il suo appellativo da piccolo, un ricordo d’infanzia che ha sancito il suo cambio di vita. Dalla moda alla cucina: non in tanti lo capirono nel 2006 quando scelse un luogo ancora sconosciuto ai buongustai, fiorentini e non solo, per aprire il suo posto: il panino non era ancora di moda, soprattutto quello definito oggi gourmet, ma la sua intuizione è stata premiata da un successo costante. Bisogna essere i primi per creare la differenza e Alessandro ci è riuscito: è passato dall’esperienza con Eataly a Roma e Milano, fa parte dell’Accademia del panino, tiene corsi all’hotel Gallia di Milano, collabora con la scuola di cucina Desinare di Firenze. In mezzo, più di un libro, fotografico, con altri progetti previsti, a documentare un poercorso che non accenna a fermarsi. Ultima avventura quella che lo vede protagonista insieme al locale Bianca ZeroZero di via Pietrapiana, a Firenze, dove viene servita la Pinsa Romana.La collaborazione con Tony Scalioti, uno degli istruttori e formatori di chi vuole iniziare a lavorare la pinsa, è agli inizi ma già le prime proposte stanno incontrando il gusto del pubblico. Sono tre le pinse a marchio ‘Ino: COSTIERA, con stracciatella di burrata, alici del Cantabrico, scorza e olio di limone, FAVOLOSA con mortadella Palmieri, gorgonzola dolce, confettura di peperoni e ORTO con provola, melanzane alla griglia, pomodori semisecchi, crema di carciofi, semi di zucca e sesamo. Questo tanto per iniziare….

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply