fbpx

Il separa tuorlo

3

Magari una sua utilità ce l’ha davvero, che c’entra, ma il separa tuorlo non popola le cucine professionali e quindi…un motivo ci sarà! Tale oggetto evita di sporcare le mani, ed è questo il segreto: più di una provetta cuoca casalinga, come d’altronde i maschietti interpellati, confessano una certa repulsione per il contatto con l’albume a dita nude..sarà la consistenza gelatinosa, quel lieve incollarsi alle dita, il suo essere quasi inodore e insapore che lo trasforma in un blob quasi pericoloso..sta di fatto che, se avete amici o amiche fighette che in cucina si muovono come su un set televisivo, dovete dotarli di questo strumento. La maionese, lo zabaione, la crema pasticcera torneranno a popolare le ricette quotidiane, abbandonate per lo strano contatto..e poi, in ogni caso, per un single può essere un’ottima arma di acchiapppo: messo in bella mostra in cucina, permette di incuriosire, fare domande, farsi vedere all’opera…hai visto mai?

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

3 commenti

  1. francesco costagli on

    buongiorno romanelli, bella descrizione ma è proprio un’oggetto scomodo da utilizzare che rallenta il lavoro . Ciao

  2. ora che mi ci fai pensare….ne ho almeno due che riposano nel cassetto degli aggeggi acquistati compulsivamente e mai utilizzati!
    Prometto che prima o poi gli farò fare una sortita sperimentale almeno per giustificarne l’esistenza.
    buona giornata

  3. Io ne ho uno carinissimo, fatto a forma di pulcino che sta attaccato da solo al bordo della ciotola o altro contenitore e…..da quando ce l’ho lo uso sempre!!!!
    Prima usavo il vecchio classico sistema di tutti, ma ora è un peccato non usare quell’accessorio così simpatico

Leave A Reply