Il ristorante di lusso cosa sarà?

0

Ci sono termini che uno cerca di comprendere e capire se sono ancora attuali: il ristorante di lusso è una frase ancora attuale? Riesce a far capire nella maniera migliore cosa si intende con questo eloquio? Siamo in un ‘epoca nella quale  i parametri che permettono di giudicare cose e persone sono stati stravolti, almeno da un un punto di vista professionale alberghiero.

cena veneziaCosa si intende oggi per lusso? Un luogo riservato, unico, non accessibile. Sbaglio? Ovvero, credo che il vero elemento che eleva e fa la differenza  sia oggi poter scegliere cosa fare e dove stare, e nel lusso estremo ci stanno coloro che tutto vogliono, fuori che apparire in maniera troppo evidente. Poi possono essere personaggi che si presentano estremamente casual nell’atteggiamento e quasi disturbanti per il cameriere impostato vecchia maniera, ma sono disposti a fare percorso unici a tavola e magari fanno impazzire, in senso buono,  il sommelier e il maÎtre di turno : però che soddisfazione arrivare a raggiungere lo scopo di  accontentarli divertendsi.

Cuckoo clubQuello che dovrebbe essere compreso è che la ristorazione dovrà cambiare: arriviamo alla distruzione dei pinguini in sala, dell’atteggiamento di supponenza del cameriere, dei menu impostati ed obbligati, della forma invece della sostanza. le cattedrali sono rare, al massimo una per città, ma forse è anche troppa. Pensando all’ambito religioso, un Papa unico, un Cardinale per diocesi, poi preti: ganzi, divertenti, dinamici, alternativi oppure classici e tradizionali, tutti a soddisfare esigenze diverse.

MI aspetto un 2022 da fuochi d’artificio come frequentazione, ma il 2021 serve a resettare e mettere in linea tutta la ristorazione. Chi ha soldi vuole scegliere, chi ne ha pochi va alla ricerca di luoghi particolari nella proposta  del vino e nel cibo, e farà conoscere anche ad altri, in questo percorso, nuove realtà. Poche regole da seguire per avere successo quest’anno, ammesso che una persona abbia voglia di cambiare.

cena1) No menu degustazione. Ammessi solo nella Cattedrali, per il resto meglio carta divertente da cui scegliere, anche se non ampissima. Proposta  vera, vivace intrigante: magari uno mangia più piatti del menu fissato…e gode senza limiti di prezzo e porzioni!

2) Servizio rilassato. Versare il vino da soli non fa fatica, se lo ricordi chi sta in sala,, se uno ha sete di vino: una persona beve con meno limiti grazie a questa libertà, e il marchingegno fa consumare più bottiglie. Pensateci patron dei ristoranti, che magari per voler fare un servizio formale scontentano i clienti lasciandoli assetati a lungo.  Così come il cestino del pane risolve l’aggiunta dello stesso sul piattino e il doverlo rifornire n maniera ossessiva.

3) Empatia ai massimi livelli. Pensate ancora che un cliente  si accorga che la bottiglia di Chateau Margaux, pagata fior di soldi beninteso, sia aperta in maniera appena sbagliata,se sta nel posto giusto con la compagnia adatta? Che uno faccia storie se  lo scaraffamento non è stato eseguito e tanto meno l’avvinamento dei bicchieri? Se il personaggio di sala ha la battuta pronta e sorridente tutto è concesso. Il problema vero, invece, è lo sguardo di supponenza del cameriere old style, che giudica chi ha al tavolo dal look e poi si cosparge il capo di cenere quando lo scopre titolare di “American Express Black”

4) Disponibilità al cambiamento. Nessuno mette in discussione la capacità dello chef di turno, ma se negli spaghetti il peperoncino deve diventare il triplo di quanto è normale lo si fa: senza se e senza ma. Così come se uno vuole il parmigiano sulle cozze. Sono blasfemo? Non abbastanza esclusivista? Sono REALISTA!! Altrimenti una persona che vuole lavorare in cucina si fa un percorso artistico e cambia professione!

Il lusso sarà sempre meno FORMAL e maggiormente CASUAL, chi lo capisce nel 2022 partirà per grandi obiettivi, per il resto saranno lacrime e sangue.

 

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento