Pasta Artigianale Morelli

Il lecca lecca:una dolce rinuncia da fare

0

Fra gli aspetti positivi che porta con se’ il digiuno controllato, ovvero per il quale uno sa che ci sarà un termine, è analizzare in maniera quasi distaccata gli alimenti dei quali si sente la mancanza. E quindi il goloso avrà paura ad entrare in un bar pasticceria, per altri saranno le pizzerie i luoghi pericolosi; ci potrà essere l’amante del gelato che fuggirà dalle gelaterie dalle coppe spaziali, l’appassionato  dei fritti fggirà dalle bancarelle del  cibo da strada, le steak house per i cultori della griglia sarà un luogo proibito, ma dubito che saranno in tanti a sentire la mancanza del lecca lecca: io perlomeno sono fra questi. Non mi ha mai appassionato, e se devo dire oggi un luogo nel quale posso entrare e rimanere a lungo senza avere problemi nel gestire gli acquisti sono proprio i negozi di caramelle e affini. Come nasce il lecca lecca? Storia dibattuta e particolare che potete leggere qui : di fatto, di forme e colori estremamente diversi per un consumo assolutamente voluttuario, inutile e, per certi versi dannoso. Occupa calorie disponibili sotto forme molto più interessanti, siano essi primi piatti di pasta fatta a mano, spezzatini, grigliate, risotti  o, rimanendo nel campo del dessert, più conturbante e seducente uno zabaione che questa caramella appiccicosa grondante zucchero. I sapori sono perlopiù artificiali, così come i coloranti, sono una creazione che nasce artefatta per il solo motivo di stupire e calmare i bambini: perché un adulto dovrebbe esserne un consumatore entusiasta? Magari un leccatore distratto, un assaggiatore per scherzo, ma non certo un tifoso del sapore , se ritiene di avere papille gustative normalmente presenti. Il periodo peggiore per incontrarlo è quello estivo: magari sulla spiaggia, con la sabbia che si attacca al bastoncino o direttamente alla caramella, così che ci si trova costretti a ingurgitare anche i granelli. Il caldo torrido impone poi una bevuta a seguire: se poi essa sia fatta con una bibita zuccherata, il disgusto è  totale. Dante avrebbe indubbiamente un posto nel girone dei golosi per chi si concede tali nefandezze gastronomiche. Ora, se poi esistessero lecca lecca al gusto salato magari il mio pensiero sarebbe diverso: ma a quale gusto? Ardua sentenza!

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply