Il caffè in cucina

0

Le Delizie di Leonardo ospitano alla Mostra Internazionale dell’Artigianato la torrefazione Mokarico: due cuochi in altrettanti cooking show ce ne faranno vedere (e sentire) delle belle

Ci (ri)siamo: sabato 21 aprile prende il via alla Fortezza da Basso di Firenze l’82a Mostra Internazionale dell’Artigianato. Chi ha la passione per la buona tavola, ma soprattutto chi ama scoprire le novità, conoscere gli artigiani del gusto, assaggiare buoni piatti, ottimi vini e nuove birre, scoprire golosità non potrà fare a meno di partecipare agli eventi curati da Leonardo Romanelli, presentati nello spazio Le Delizie di Leonardo, al primo piano del padiglione Spadolini: un approccio pop al mondo dell’enogastronomia in una dimensione colloquiale e amichevole. Lo spazio ospiterà chef stellati, ma anche giovani di sicuro avvenire, fino ai giovanissimi, gli studenti  delle scuole alberghiere; oltre che nei cooking show, il programma degli undici giorni si articolerà negli incontri con i pasticceri più prestigiosi della città e con i dolci da riscoprire; nel confronto  tra cucine toscane e etniche e perciò tra culture e modi di cucinare; nelle lezioni di fotografia. E i produttori che presenteranno le loro creazioni saranno felici di raccontare la loro esperienza e i loro percorsi. Cinque gli incontri dedicati al vino, mentre le degustazioni di birre artigianali si alterneranno a quelle di grappe e di caffè. E, a proposito di caffè, tornerà anche quest’anno un’azienda amica delle Delizie di Leonardo, la Mokarico: i suoi prodotti saranno protagonisti di due cooking show (il primo sabato 21 alle 13 con Riccardo Monco dell’Enoteca Pinchiorri, il secondo domenica 29 alle 14 con Paolo Gori della trattoria Da Burde), mentre mercoledì 25 alle 14 le sue miscele saranno raccontate e fatte degustare. La storica torrefazione fiorentina, nata in Corso Tintori a Firenze, per opera del Comm. Barbieri, è cresciuta grazie ai fratelli Igino e Corrado Paladini, che la condussero con successo fino al 1984, fino a quando cioè il nipote Marco Paladini ha preso in custodia tutti i segreti per la lavorazione e la miscelazione del caffè.

Scelta delle migliori varietà, torrefazione, imballaggio, fornitura a clienti sparsi per il mondo, formazione professionale sono i passaggi attraverso i quali si snoda un percorso di esperienze che ci regala miscele, monovarietali e monorigine dedicati a amanti del caffè e consumatori curiosi.
Caffè Mokarico ha anche un biologico che, oltre a essere un monorigine, è anche un caffè monovarietale: si compone interamente di Typica, una sottovarietà degli Arabica che viene lavata per esaltare gli aromi più fini e delicati.

 

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento