Filippi

I miei gnocchi di patate..piatto da fine anno

0

Il ricordo degli gnocchi di patate mangiati da piccolo è di quelli a metà tra l’entusiasmante ed il terribile: tutti riuniti a casa, e quindi era per forza la domenica mattina, tutti impegnati a sbucciare patate bollenti per una convinzione materna, in virtù della quale le patate non si sarebbero pelate alla perfezione se fredde. E poi, il passaggio dal passaverdure a fori piccoli, per averle cremose, ma faticose da ottenere, con mia sorella che teneva il passino ed io che giravo. . Esausti, lasciavamo il campo a mia madre, che in due balletti spolverava il tutto di parmigiano, poi metteva noce moscata e farina ed impastava velocemente. Contro ogni regola che dice di non impastare la farina con le patate ancora calde. Ma lei lo faceva! Niente uova, solo un rapido passaggio alla grattugia , quindi cottura in acqua e condimento nel piatto: troppo morbidi per essere saltati. E poi, in una famiglia indubbiamente carnivora, gli gnocchi venivano conditi con il pomodoro, mai capito perché.

Cosa ho cambiato da quella ricetta? Continuo a non utilizzare uova, metto però una parte di farina di riso, oltre a quella di grano tenero. Il parmigiano non lo metto se li condisco con il pesce, ma uso aromatizzarli a seconda della salsa di accompagnamento. Qualche esempio: trito finissimo di aglio, salvia, rosmarino quando li condisco con fagioli e pancetta, basilico quando sono conditi con melanzane e pomodoro, ricotta quando li unisco a noci tritate e pecorino lavorati a crema. Modi non urbani ma intriganti per condirli. Carnivori: lesso rifatto con le cipolle leggermente “stracciato”, soprassata (detta anche “coppa di testa” )e ceci, Costine di maiale (rosticciana) grigliate e unite a peperoni, sempre grigliati Vegetariani: cavolo cappuccio saltato, sesamo, mandorle e pecorino fresco, funghi trifolati e in crema con nepitella nell’impasto, crema di peperoni rossi, capperi, origano scamorza affumicata.Scegliete uno per il cenone di Capodanno e non ve ne pentirete!

 

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply