fbpx

I miei insuperabili cannelloni

0

Niente da nascondere, i miei cannelloni sono eseguibili da tutti, ma sono veramente buoni, gustosi: non pecco di falsa modestia, dico solo quello che vedono i miei occhi, quando gli invitati prendono la forchetta, rompono il cannellone, lo mettono in bocca accompagnandolo con la besciamella e gli occhi rimangono chiusi a lungo, per gustare appieno il piatto.

La pasta è classica: 5 uova e la farina che prendono, una 0 senza altre aggiunte. La divido in rettangoli, la cuocio in acqua bollente, la freddo e l’asciugo. Su ogni rettangolo dispongo una fetta di pancetta.

Il ripieno è fatto con carne di maiale e di manzo tritata, fatta cuocere in padella con olio EVO con scalogno e  aglio tritati, quindi salvia e rosmarino che poi tolgo. Unisco funghi tagliati a cubetti, fatti saltare a parte con burro. Bagno con vino bianco, porto a cottura con poco brodo, quindi frullo tutto per ottenere un composto omogeneo, insaporisco con parmigiano grattugiato: per addensare utilizzo poche patate lessate, che aromatizzo con noce moscata abbondante. Farcisco i cannelloni, li metto in pirofila con sotto molta besciamella, e tanta anche sopra. Parmigiano come se piovesse, macchi con poco ragù e cuocio in forno venti venticinque minuti. Faccio riposare almeno cinque minuti e poi vado!

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply