Giancarlo Morelli e Karl Baumgartner, serata a 4 mani al Pomireou di Seregno

0

Sarà che per Identità Golose a Milano c’è una concentrazione di cuochi che nemmeno si immagina, che il clima è festaiolo, che la voglia di divertirsi è alta, ma partecipare ad una cena a 4 mani è un’occasione unica, per provare la cucina di due personaggi, amici tra loro oltre che colleghi, che in un menu degustazione alternato riescono a far vivere emozioni divertenti.Cena che ha una partenza sprint con il finger food: la salsiccia di vitella su crema di patate, porri e senape dolce,sapida e gradevole, la lingua di vitello, crema spumosa di latte ala resina d’abete, cipolla e crumble di polenta, dai sentori ammalianti, il blinis integrale, carpaccio di capriolo marinato e leggermente affumicato, gelato alle erbe di montagna, pulito e concreto. Nessun sapore ovvio, contrasti misurati, consistenze che si fanno sentire. Partenza “vera” con tartare di salmerino della Val IMG_5283d’Aurina, mela e cipollotti su insalata di ravanelli, dove però il ruolo essenziale nell’equilibrio del piatto lo hanno le uova del pesce, che non sono nominate ma sono essenziali. Poi si prosegue con il petto di anatra confit, radicchio, spuma di patate e mandorle a neve. E’ un piatto di transizione, accenna i sapori in misura equilibrata, soddisfa senza appesantire, per lasciare poi spazio al canederlo di patate ripieno di formaggi o erborinato di capra su crema di rape rosse e rafano, pieno e corposo. IMG_5288Fenomenale il riso mantecato al latte di malga, cipolline selvatiche , animelle glassate e croccante di amaretto, cremoso e piacevolissimo. Da scuola classica l’anatra “Nantaise” al forno glassata con miele di abete speziato in salsa di agrumi. Il dolce è invitante, come la tarte tatin di ananas caramellata e vaniglia, accompagnata dal biscotto ai cinque cerali e gelato al cardamomo. Cena che lascia pensieri positivi, di gusti da approfondire e capire ancora più a fondo: un plauso ai tempi di servizio, che possono altrimenti rovinare irrimediabilmente dei grandi piatti

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento