E libro sia per Natale

0

Quale migliore occasione di queste festività raccolte, poco chiassose, sicuramente diverse per leggere un libro? Se poi, come credo, vi appassionano il cibo, il buon bere, la buona tavola (ahi, che dolore non poter andar per ristoranti come e quanto vorremmo!) non potrete non scansare uno dei tanti titoli appena usciti che ci ricordano come mangiar sia centrale nella nostra vita: negli aspetti più essenziali, in quelli più gaudenti, nella ritualità, nel ritrovarsi.

Vincenzo DonatielloUn apprezzamento sicuro – per originalità, completezza, stile – va a Io servo. Dizionario Moderno per Camerieri, scritto da Vincenzo Donatiello, sommelier e restaurant manager del pluridecorato Piazza Duomo di Alba. Vincenzo, dall’alto della sua grande esperienza e del suo savoir faire ci guida con un’arguzia non comune tra le pieghe, i retroscena, la fatica e le gioie di un mestiere o se preferite di una professione difficile, ora in crisi di vocazione, soprattutto a livello alto, che è alla base della ristorazione e quindi del piacere di sedersi al tavolo di un locale. Partendo dal presupposto che l’arte del servizio non ha regole giuste e universali ma deve mettere a proprio agio le persone, Vincenzo ci guida nelle pagine del suo libro in una piacevolissima analisi dei modi di accogliere, consigliare, coccolare il cliente, un vademecum per chi si approccia a questo lavoro, che “ti permette di viaggiare anche stando fermo”, e chiave di lettura per l’utente. In stretto ordine  alfabetico – dalla A di accoglienza alla Z di zero (“il numero di mattine in cui mi sono svegliato senza aver voglia di lavorare”) passando dalla M di memoria e motivazione – un racconto di regole, comportamenti, doveri ma soprattutto di passione.

dolce firenzeSempre la passione – per la pasticceria e i gelati – è il filo conduttore di Dolce Firenze & Toscana di Veronica Triolo, da poco pubblicato dalla Nuova Editoriale Florence Press (quella di FirenzeSpettacolo e di Leonardo Tozzi per intenderci) e giunto alla seconda edizione, con più di 60 segnalazioni tra pasticcerie, ristoranti, alberghi, panetterie, gelaterie, scuole di cucina. Senza la passione non troverebbero spiegazione tanta creatività, tanta attenzione alle materie prime, tanta tendenza alla perfezione che sono le caratteristiche dell’arte dolciaria migliore e, in questo caso, sono il pretesto intelligente per un excursus golosissimo tra Firenze e la regione, alla scoperta o alla riscoperta di personaggi, luoghi e occasioni dove la tradizione convive benissimo con la sperimentazione di sapori, aromi e colori.  La guida è tradotta in inglese e contiene le ricette dei dolci passati in rassegna, “per chi desidera mettere la mani in pasta”.

burgerPer finire, i carnivori amanti dell’hamburger – e comunque tutti coloro che fanno della curiosità la propria idea guida alla scoperta delle piacevolezze del cibo – non possono prescindere dalla lettura di Tuscanburger, di Marco Gemelli e Lorenzo Gagliano, edito da Il Forchettiere. Il viaggio nel mondo di quello che una volta si chiamava la svizzera comincia con 50 locali della regione dove gustarli, dalla piccola hamburgeria di paese a quelle di ispirazione gourmet, e con la descrizione delle diverse carni utilizzate, da quella di zebra quella di struzzo senza dimennticare la carne kobe; prosegue con la rassegna dei produttori made in Tuscany di carni, formaggi, ortaggi, tartufi, salse, birre artigianali e amari; incontra alcuni personaggi; indugia su chi interpreta il burger a modo suo; si completa con una articolata carrellata di abbinamenti: dal più consueto, quello con la birra, a quello più sofisticato con le bollicine, dal più trend, con i cocktail, al più complesso, con il vino; si chiude con le Prove d’autore, trenta chef che raccontano come realizzerebbero il loro hamburger ideale. Vi è venuta voglia di assaggiarne uno? Se leggerete il libro, ne saprete di più e questa voglia diventerà irrefrenabile.

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento