Cibo e sesso, una gran fatica abbinarli

3

Nell’immaginario collettivo, gli amanti distesi sul letto, durante le fatiche amorose, si nutrono di ostriche sorseggiando champagne, perchè, dicono, non appesantiscono. I più fortunati abbinano il caviale, mangiato a cucchiaiate dal vasetto di vetro, a vodka ghiacciata. I più modesti si accontentano di salmone e prosecco(sic!). I seguaci di “Pretty woman” vanno con lo spumante  e le fragole che ne esaltano il gusto. I tradizionalisti provano con le crepes suzette e il Grand Marnier. I buongustai con praline e rhum. I passionali vanno con i crostacei crudi e vino bianco in giusto abbinamento. Domanda: ma separare i due momenti non sarebbe più comodo?

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

3 commenti

  1. Ostriche, champagne, caviale, fragole….insomma, inaffrontabili burinate.
    A letto ci si nutre l’una dell’altro (e tutte le declinazioni politically correct).
    Punto. Il resto, ossia le briciole tra le lenzuola, lasciamolo alle Sharon Stone de noantri….
    Cordialmente, Federica S.

  2. @ concordo con Federica………….ci si nutre e ci si assapora l’uno con l’altro………al limite si mangia un sushi prima……

Rispondi a federica s. Cancella risposta