Casa Ciabattini: coraggio, intraprendenza, inventiva

0

 

Leonardo Sozzi, Giulio Nencini Alberto Ciabattini

Coraggio: perché aprire a dicembre 2021 ancora in periodo di pandemia non è certo da tutti e quindi da apprezzare a maggior ragione.

Intraprendenza: perché iniziare e portare avanti la loro idea di cucina, legata apparentemente a piatti della tradizione toscana come riconoscenza anche alla loro terra d’origine, in una città come Firenze dove osterie similari pullulano, non è cosa da poco.

Inventiva: perché sapersi ritagliare del tempo, che in cucina non è mai troppo, per produrre pasta e pane e al tempo stesso farlo in maniera ottimale è frutto di ingegno.

Casa CiabattiniDa fiorentino spinto dalla curiosità di questa nuova apertura diciamo potenzialmente “controtendenza” visto i motivi sopra descritti, mi è piaciuto provare a stretto giro ciò che sono i loro tre motti principali e di cui ne fanno la mission aziendale:

1) Concetto di cucina/economia circolare
2) Concetto di osteria contemporanea
3) Pasta fresca al 100% prodotta in loco

E devo dire che, dopo aver parlato con questi due giovani ragazzi(Leonardo e Giulio) ho notato con grande piacere che, oltre ad avere idee ben chiare e nette sul loro concetto di cucina, hanno la testa ben salda sulle spalle denotando una maturità che va ben oltre la loro età anagrafica facendo ben presagire per un roseo futuro.

Relativamente al concetto di cucina circolare, ho potuto constatare che presso “Casa Ciabattini” gli sprechi sono banditi in quanti i così detti “scarti di lavorazione “ sono sempre riutilizzati come ingredienti per altre pietanze.

Casa CiabattiniDue esempi su tutti:

• Gli “scarti” del filetto vengono riutilizzati per realizzare il ragù della casa oppure per la carne salada presente negli antipasti o per il peposo.
• Gli albumi delle uova che non vengono usati per preparare la pasta fresca vengono utilizzati per legare la panna cotta al posto di addensanti come la colla di pesce o l’agar agar.

Molto spesso oggi può capitare di frequentare alcune osterie tradizionali, dove il piatto che ci si palesa davanti è sicuramente legato alla tradizione toscana, ma al tempo stesso risulta essere troppo pesante vedi” le due dita di olio eccessive” cosa di cui si può fare a meno.
Ed è proprio qui che questo concetto emerge e viene fuori, ricreare ricette antiche tramandate dalle nonne, ma realizzate con tecniche moderne dando vita ad una cucina pulita, senza voli pindarici ma al tempo stesso appetitosa, gustosa e leggera

Sulla pasta fresca non posso altro che confermare che è il cavallo di battaglia di “Casa Ciabattini”, appena ho chiesto infatti ai due chef dove venisse prodotta e come venisse realizzata in un batter d’occhio Leonardo Sozzi mi ha accompagnato in una delle tre sale che compongono il locale e in corrispondenza della vetrata a vista lungo un bel tavolo di marmo in un baleno ha steso la pasta con la sfogliatrice a mano, presente anche per la gioia anche dei passanti. Passando ai piatti scelti dal menù che cambia molto spesso in base alla stagionalità dei prodotti approvvigionati da produttori per lo più locali le mie preferenze sono andate su:

Terrina di fegatini di pollo con nocciole, vin santo e pan brioche
Piatto ben equilibrato dolce/salato.

Casa Ciabattini

Fettuccine al ragù di casa
Con pasta fresca fatta in casa e componenti del ragù di prima qualità non può altro che essere gustosa.
Porzioni molto generose se proporzionato ai tempi di oggi

Casa Ciabattini

Faraona ripiena di frittatina all’erbette e tartufo con broccoletti
Cottura ben eseguita carne succosa e tenera, ,fondo ben realizzato e verdure croccanti

Casa Ciabattini

Panna cotta a bagnomaria con frutti di bosco
In questo caso l’albume cotto a bagno maria nell’acqua, la vaniglia fresca di bacca al posto della gelatina addensante facciano veramente la differenza dalle comune panne cotte.

Casa Ciabattini

Per quanto concerne la carta dei vini (in prevalenza toscani)è frutto delle scelte del giovane competente maitre’/sommelier Emanuele Giorgi che ha creato anche parallelamente una snella ma accattivante carta dei cocktail.

Per ultimo ma non per importanza vorrei ricordare che grazie ai prezzi, si colloca in una fascia di ristorazione, ottima qualità a prezzi giusti,  che a Firenze scarseggia.

Antipasti 9-12 Euro
Primi Piatti 10-12 Euro
Secondi Piatti 15-15 Euro
Bistecca di scottona 48 Euro/Kg
Bistecca di vacca vecchia 3 anni irlandese 50Euro/Kg
Contorni 4 Euro
Dolci 5 Euro
No menù degustazione

Casa Ciabattini
Via Il Prato 68/R, 50123 Firenze
Telefono :55 025 0035
Aperto a pranzo e cena Giorno di chiusura Domenica

Condividi!

Circa l'autore

Nella vita Ispettore qualità e certificazioni nel settore agroalimentare. Da sempre, attento alle eccellenze enogastronomiche che il territorio offre con le sue storie ,tradizioni , innovazioni e relative peculiarità.

Lascia un commento