Calderoli e i rebbi delle forchette

2

Come riporta qui il buon Michele Serra, Roberto Calderoli annuncia che non si pulirà più i denti con i rebbi delle forchette, durante i pranzi di lavoro. Si tratta di una delle scene che mai vorremmo vedere ad un tavolo di un ristorante ma anche al desco familiare, alla pari con quelli che utilizzano il coltello della bistecca, più appuntito, per compiere una  sana pulizia orale. Cosa spinge un masochista a farsi del male pur di togliersi il callo infilzato tra i due molari? Perchè deve sottoporre agli ospiti la visione della sua bocca dilaniata con magari resti del fiero pasto? Che bella l’idea di mettere gli stuzzicadenti nel bagno, dove non a caso, succedono, cose turche..

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

2 commenti

  1. La nuova etichetta leghista a tavola prevede la pulizia dei denti con il decespugliatore e l’abluzione delle mani con l’idropulitrice…
    Mala tempora…. 🙂

Lascia un commento