Blù Restaurant del Gabbiano Azzurro Hotels e Suites a Golfo Aranci

0

Per molto tempo la ristorazione in albergo non  ha suscitato interesse nel ghiottone errante, che temeva di non trovare spunti gastronomici piacevoli. Mangiare in albergo era confinato solo nell’idea di banchettistica o di cene obbligate da mezza pensione, con menu senz’anima, in grado di non scontentare nessuno ma nemmeno di soddisfare pienamente qualcuno.

FregulaPoi le cose sono cambiate, sono stati proprio i proprietari degli  hotel i fautori di cambiamenti notevoli nella proposta gastronomica, consentendo ai cuochi di potersi esprimere secondo estro e fantasia, riuscendo a suddividere l’offerta: quella più standard, adatta ai residenti nella quotidianità del soggiorno e quella gourmet, con piatti di maggiore ricerca ed innovazione.

La famiglia Datome è proprietaria dell’albergo  dal 1968 e dieci anni fa ha deciso di aprire il Blù restaurant, nella terrazza che si affaccia sul mare: in cucina opera Daniele Sechi, e nella sua proposta culinaria sono proptagonisti  ovviamente ingredienti sardi a cominciare dalla fregula, che viene preparata in casa. Semola ed acqua la vanno a comporre, con una lavorazione a mano, viene quindi  setacciata e separata e sottoposta ad ad essiccazione a 34°, per preservarne le  proprietà organolettiche. Si distinguono tre misure di fregula: piccola, media e grande. La fregula può essere bianca o nera. Il tipico colore nero è ottenuto attraverso un carbone
naturale che viene trattato e usato a tal scopo. Questo estratto di carbone è grattugiato, lavato per ben 20 volte ed essiccato, per poi essere ridotto ad una sottile polvere che si utilizza per colorare la semola .

Daniele SechiIl pesce rimane l’assoluto protagonista della tavola, fin dagli stuzzichini di antipasto: polpo burrata e battuto mediterraneo, sapido e profumata, coda di gambero e foie gras e ciliegie candite,dal bel contrasto di sapore, un fresco crudo di ricciola albicocca e maio all’aglio nero, ed un’inconsueta versione di ali di razza scottate al timo e limone accompagnate da gazpacho di pomodoro. Poi gli antipasti come la polpa di granchio reale, mango e cialde di pane lentu croccante o calamari scottati, quinoa con salsa orientale e verdure, quindi non può mancare la fregula nera con  scampi e gamberi e ortaggi o le mezze maniche, seppie e bottarga. Tra i secondi,  zuppetta di scorfano con patate in verde o la grande varietà di pescato proposta al forno, al sale, alla griglia o alla Vernaccia. Spazio anche a chi non ama il pesce con proposte vegetariane e di carne. Per gli amanti dei crostacei, anche un menu degustazione legato solo all’aragosta o all’astice, proposto rispettivamente a 160 e 90 euro. Piccola carta dei dolci per terminare. Carta dei vini dedicata soprattutto ai vini sardi, vermentino in primis, ma anche altri provenienti da vitigni autoctoni dell’isola. Servizio curato con attenzione e professionalità

Antipasti 15-24 euro Primi 17-22 euro Secondi 19 24 con il pesce a 7-8 euro all’etto e aragosta a 16 euro, dolci 9 euro

Aperto solo la sera tutti i giorni

Blu Restaurant
Via dei Gabbiani
07020 Golfo Aranci
Sardegna | Italia
Email: info@blu.restaurant
Cell:+39 392 9586866
Telefono: +39 0789 46929

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento