Bigné fritti salati , la mia versione

0

Se devo dire la verità, i bigné fritti mi fulminarono come Saulo sulla via di Damasco quando mangiai la versione dolce di Mauro Gualandi, il “mitico” pasticcere del Trigabolo di Argenta, l’unico rimasto nella cittadina ferrarese dopo la chiusura del ristorante, con una sua pasticceria specializzata tra l’altro in prodotti salati. Mauro li fece una volta a Greve in Chianti, quando ad una rassegna del Chianti vennero loro ed altri cuochi famosi: allora erano preparati con una salsa ai frutti di bosco: la versione che segue, con tante di dosi, è mia, quindi rifatevela pure con me!Taleggio

Ingredienti per 6 persone
Per i bignè: 300 g di acqua, 200 g di farina, 100 g di burro, 6 uova,  sale fino, 1 l di olio di semi di mais

Per la salsa: 1 l di latte, 70 g di burro, 70 g di farina, sale fino, noce moscata, 300 g di taleggio, pepe nero

 

Preparare dapprima l’impasto per i bignè: mettere a bollire l’acqua con il sale e il burro. Quando bolle, aggiungere la farina, tutta insieme, mescolando energicamente con un mestolo di legno. Quando l’impasto risulterà colloso e denso, toglierlo dal fuoco Aggiungere le uova, una per volta, amalgamandole con cura. Preparare la salsa: far bollire il latte con il sale e la noce moscata.A parte, far sciogliere il burro in una casseruola, a fuoco basso. Unire la farina, mescolando con una frusta e, appena il composto risulta  omogeneo, versare il latte, poco per volta, in modo che si amalgami bene. Far bollire per un paio di minuti, quindi mettere il taleggio tagliato a cubetti . Far riposare a bagnomaria. Con l’aiuto di due cucchiai, formare delle piccole palline e friggerle in olio ben caldo, affinché risultino ben croccanti. Si può altrimenti versare l’impasto con un sac à poche su carta oleata unta e trasferirlo poi nell’olio. Servire i bignè accompagnati dalla  salsa o addirittura tuffati dentro!

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento