AIr France ed il viaggio di ritorno da New York

1

Come sono entrato nell’aereo, avrei voluto già subito scrivere un peana sulla qualità dell’offerta Air France: personale solerte e disponibile, aereo in ottime condizioni(ci credo, l’airbus a due piani inaugurato qualche giorno fa), coperte sul posto, tappi per le orecchie in dotazione e poi il menu..si il menu su quanto ci avrebbero servito a bordo! Quindi si parte, tutto secondo le migliori previsioni, mi arriva da mangiare, il cous cous con gamberi è insapore, meglio la “blanquette de poulet”, che ho appena iniziato ad attaccare quando arriva l’annuncio: contrordine,  si torna a New York, guasto al computer di bordo. Ed allora lascio tutto da finire, si arriva in aereoporto e si riparte con un ritardo clamoroso di sette ore. Il che mi fa trovare in quel di Parigi a quest’ora, ad aggiornare il blog, scrivere articoli..che bella la moderna tecnologia!

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

1 commento

  1. Se sei a Parigi fatti un giro al Salone dei Vignerons Independants che è in corso in questi giorni a Porte de Versailles…qualcosa di spettacolare e molto da imparare in Italia su come si organizza un salone del vino per pubblico e professionisti…

Lascia un commento