A scuola al Four Seasons di Firenze

2

Approfitto della settimana di attività alternativa a scuola, l’istituto alberghiero “Bernardo Buontalenti” per organizzare un pranzo studio al Four Seasons di Firenze. Grazie alla disponibilità di Patrizio Cipollini, general manager, e di Vito Mollica, lo chef, gli allievi della 4B ristorazione hanno vissuto un’esperienza davvero particolare: vedere un albergo di lusso dal di dentro, capire come funzionano i reparti di cucina e sala per poi mangiare i piatti che, spesso, hanno solamente visto sulle riviste patinate. Ritrovo alle 1130, per l’occasione li vedo vestiti meno “grunge” del solito( su precisa indicazione del sottoscritto, pena esclusione!) e poi inizia la visita. Sono spaesati, lo ammetto, la bellezza colpisce sempre: La presentazione che viene fatta poi in una saletta conferenze li mette di fronte all’importanza dello studio delle lingue. Rimangono colpiti nel capire quante persone lavorano nella struttura, oltre 200, selezionate dopo più di 4000 colloqui. Una volta a tavola, li osservo e penso: se ne renderanno conto?E’ venuto il general manager a salutarli, lo chef gli ha dedicato un sacco di tempo, mangeranno in una saletta privata..mi sento un missionario, cerco di far capire loro dove possono arrivare ma sono semi che si vedrà solo nel futuro se attecchiranno..Il menu:

Gambero rosso marinato con carciofi e crema al pecorino
****
Risotto al radicchio tardivo con guanciale croccante
******
Ricciola saltata con insalata nizzarda tiepida
******
Bavarese alla vaniglia biscotto morbido alle nocciole
****
Espresso e frivolezze

Sono passate più di tre ore, si alzano e i camerieri che hanno effettuato il servizio mi dicono: “Magari avessimo avuto noi l’opportunità di mangiare in locali come questo durante la scuola alberghiera”. Meno male, allora penserò ad un nuovo pranzo studio

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

2 commenti

  1. A volte bastano delle cose minime, ovvie (d’accordo, il Four Seasons non è proprio ovvio e alla portata di tutti, ma ci si può lavorare…) per capire e far capire. L’insegnamento è sì nozioni e tecniche, ma anche portare i ragazzi nel mondo…

Lascia un commento