10 impieghi golosi del sedano in cucina

0

Come usare il sedano in cucina? Domanda non da poco, visto e considerato che si tratta di uno degli ortaggi maggiormente presenti sui banchi degli ortolani. A parte l’utilizzo  per brodi, soffritti, fondi di cucina, il calore dei fornelli non giova normalmente al sedano, che viene trasformato in una massa bianco-verdastra, un po’ informe, sicuramente poco appetitosa,alla vista ma se cucinato in maniera opportuna può regalare soddisfazioni: basta saperlo fare .

sedanoMolto diffuso  l’utilizzo a crudo: in pinzimonio, come barchetta da antipasto per contenere creme di formaggio , essere tuffato in una salsa di yogurt, oppure posto in mezzo a variopinte insalate. Da provarlo, sempre curdo,  su carpaccio di pesce grasso, serve a bilanciare appunto la pastosità che si può formare in bocca. Grazie al suo basso apporto calorico, è uno dei tanti  alimenti consigliati a chi vuole dimagrire e forse per questo, chi ha seguito per lungo tempo una dieta, non vuole più sentirne parlare. Nell’antichità veniva ritenuto uno degli afrodisiaci per eccellenza, ed uno si chiede come sia possibile, tanto che i mariti poco focosi venivano obbligati a mangiarne quantità industriali, comprese le foglie. Non è facile immaginare questo buffo ortaggio capace di stimolare incredibili prestazioni amatorie sotto le lenzuola, ma si può invece facilmente capire che, nel momento del bisogno, si provavano veramente tutte le soluzioni pur di riuscire nell’intento!

sedano verdePer cucinarlo, si può provare a farlo gratinato, messo in forno dopo averlo cotto a vapore, in pirofila con besciamella e parmigiano, o in umido, con brodo e sugo di carne che dona un gusto più deciso e saporito. Sempre in umido, la versione vegana prevede l’impiego di acqua e pomodoro. Si possono cucinare polpette con l’impiego di uova e parmigiano uniti a sedano bollito e tritato, e scegliere se friggerle e servirle al naturale oppure ripassarle sempre in una salsa di pomodoro. Altro esempio poco diffuso è il sedano al burro, che può cuocere direttamente nel grasso da crudo per rimanere croccante ed essere servito con una spolverata di noce moscata. Nel sedano ripieno, specialità della città di Prato, si possono farcire due coste sovrapposte con un impasto a base di carne macinata o con del pane:il tutto deve essere poi fritto e infine cotto sempre stufato. Poteva mancare la versione dolce? Certo che no, e quindi lo si può candire nello zucchero per accompagnare gelato o semifreddi

Condividi!

Circa l'autore

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Lascia un commento