Jacopo Rosito, ovvero il mixologist degli artisti

0

Quando bere un cocktail può diventare come una visita al museo o l’ascolto di un concerto: l’abilità di un mixologist è quella di far star bene i clienti, stupirli, oltre quello che è il semplice assemblaggio di ingredienti. Jacopo Rosito il lavoro dietro al banco del bar ce l’ha nel sangue, una passione nata osservando i movimenti di chi riusciva, da dietro ad un bancone, a stupirlo ed emozionarlo, quando andava con gli amici a bere qualcosa. La sua intelligenza è stata quella di non voler bruciare le tappe: come una volta gli allievi andavano a bottega dal maestro, cercando di imparare i segreti della tecnica pittorica o scultore, per poi migliorarla grazie al proprio estro e le proprie conoscenze, così Jacopo ha iniziato imparando le nozioni fondamentali. Saper fare i cocktail ufficiali internazionali è stato il primo obiettivo, per poi iniziare a coltivare la voglia di metterci qualcosa di suo. Per far questo ha cercato di comprendere i clienti, riuscendo così ad anticipare i loro desideri. L’atmosfera che si crea attorno ad un bancone è spesso confidenziale, la voglia di parlare nasce spontanea e quindi diventa più facile elaborare un cocktail che rispecchi il gusto di chi lo deve poi consumare: ci vogliono anni di esperienza, sensibilità, capacità di ascolto e tecnica perfetta, unita alla conoscenza dei liquori. Jacopo Rosito ha preparato più di un cocktail a personaggi famosi che si sono fidati del suo fiuto: queste alcune delle sue preparazioni che hanno conquistato George Michael, Joe Montana e Frank Lampard

COCKTAIL PINK LADY PER GEORGE MICHAEL

VODKA
SUCCO DI LIMEPink Lady cocktail
CL SCIROPPO DI FRAGOLA
ANGURIA FRESCA A FETTINE
GELATO ALLA FRAGOLA

 

 

 

BITTER SKY PER JOE MONTANA

CAMPARI
SUCCO CRANBERRY
GINBitter Sky
LIQUORE AL SAMBUCO

Share.

About Author

Leonardo Romanelli (Firenze, 14 novembre 1963) è un giornalista, sommelier, gastronomo, autore e conduttore radiotelevisivo italiano.

Leave A Reply